• Gennaio

    22

    2024
  • 460
  • 0
Trigliceridi: tutto quello che devi sapere

Trigliceridi: tutto quello che devi sapere

In questo nuovo approfondimento del nostro blog dedicato alla salute, affrontiamo un altro tema molto importante per il benessere generale del corpo: i trigliceridi.

Nel dettaglio scopriremo insieme cosa sono, quali sono i fattori che ne favoriscono la crescita, le malattie che provocano, cosa fare se sono alti e gli alimenti che possono favorirne la riduzione.

COSA SONO I TRIGLICERIDI E A COSA SERVONO?

I trigliceridi sono una classe di lipidi o grassi presenti nel nostro sangue. La loro funzione principale è quella di immagazzinare e rilasciare energia quando il corpo ne ha bisogno.

In pratica, quando consumiamo cibo, specialmente alimenti ricchi di grassi e zuccheri, il corpo converte gli eccessi di calorie in trigliceridi e li immagazzina nelle cellule adipose.

QUALI SONO I FATTORI CHE INFLUENZANO I LIVELLI DI TRIGLICERIDI NEL SANGUE?

Il livello trigliceridi nel sangue dipende da diversi fattori tra cui:

  • Alimentazione: una dieta ad alto contenuto di grassi e zuccheri, con l’assunzione di maggiori calorie rispetto a quelle che vengono normalmente consumate, provoca un eccesso di trigliceridi che si accumulano nelle cellule adipose.
  • Stile di vita: l’eccessivo consumo di alcol e la sedentarietà, con assenza di attività fisica regolare, possono contribuire all’accumulo di trigliceridi.
  • Condizioni mediche: come l’obesità, il diabete di tipo 2 e i problemi renali;
  • Ereditarietà: la predisposizione genetica può rendere alcune persone più inclini ad avere alti livelli di trigliceridi.

CHE MALATTIE POSSONO PROVOCARE I TRIGLICERIDI ALTI?

L’ipertrigliceridemia, ovvero l’elevata concentrazione di trigliceridi nel sangue, può favorire la comparsa di:

  • Aterosclerosi: accumulo di placche nelle arterie, con aumento del rischio di malattie cardiovascolari, inclusi attacchi di cuore e ictus.
  • Malattie cardiovascolari: possono includere malattie coronariche, angina, infarto del miocardio e insufficienza cardiaca.
  • Pancreatite: aumento del rischio di pancreatite, un’infiammazione del pancreas che può essere grave e potenzialmente pericolosa per la vita.
  • Sindrome metabolica: causata dalla combinazione di obesità, pressione alta, livelli di zucchero nel sangue elevati e alti valori livelli di trigliceridi.

COME MANTENERE I TRIGLICERIDI SOTTO CONTROLLO?

Le misure per prevenire l’ipertrigliceridemia o ridurrne i valori elevati, comprendono:

  • Dieta bilanciata e sana: limitando l’assunzione di grassi saturi e zuccheri e incrementando il consumo di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre.
  • Attività fisica regolare: anche una breve camminata quotidiana può fare la differenza.
  • Perdita di peso: in caso di obesità o sovrappeso.
  • Limitare l’eccessivo consumo di alcol .

CHE ESAMI SI POSSONO FARE PER CONTROLLARE I TRIGLICERIDI E QUALI SONO I VALORI NORMALI?

Il livello dei trigliceridi può essere controllato mediante un esame del sangue noto come “profilo lipidico”che misura non solo i livelli di trigliceridi, ma anche quelli di colesterolo totale, colesterolo HDL (colesterolo buono) e colesterolo LDL (colesterolo cattivo).

Livelli normali di trigliceridi si attestano sotto ai 150 milligrammi per decilitro (mg/dL). Per valori superiori a questo range è sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia.

In conclusione, mantenere i trigliceridi sotto controllo è fondamentale per preservare la salute del sistema cardiovascolare. Per questo è importante controllare regolarmente il livello di trigliceridi nel sangue e adottare uno stile di vita sano.

Per richiedere maggiori informazioni o per prenotare analisi sangue trigliceridi, non esitate a contattarci.

© Copyright 2021 Farmacia Focaccia Partita IVA:04365431008.
Privacy Policy / Cookies policy / Gestione dei dati personali