fbpx
  • Dicembre

    14

    2020
  • 119
  • 0
E tu che tipo di pelle hai? Come capire il proprio tipo di pelle

E tu che tipo di pelle hai? Come capire il proprio tipo di pelle

I tipi di pelle e la valutazione attenta alle differenze

Non è possibile capire tutte le caratteristiche dell’epidermide a occhio nudo. Per avere un quadro preciso è necessaria l’analisi approfondita con una microcamera digitale che permette di valutare specificamente alcuni parametri fondamentali come l’idratazione, la qualità e quantità del sebo prodotto, l’elasticità, il rilassamento cutaneo, la profondità delle rughe. Solo dopo quest’accurata analisi i dati possono essere interpretati e si può capire quale tipo di pelle hai e come devi prendertene cura.

I tipi di pelle: caratteristiche e analisi accurata

La stessa distinzione tra pelle normale, mista, grassa che trovi su tutte le creme è molto semplicistica. Senza scendere troppo nel dettaglio, le tipologie di epidermide possono essere le seguenti.

➝ Pelle normale: cute perfetta, molto idratata, compatta, senza imperfezioni, rarissima da trovare.

➝ Pelle mista (tipo più diffuso): naso, fronte e mento (zona T) lucidi, con qualche imperfezione, tendenzialmente oleosa.

➝ Pelle grassa: cute caratterizzata dall’eccessiva produzione di sebo; può essere asfittica (sebo ceroso); oleosa (sebo fluido che fluisce dai pori).

➝ Pelle a tendenza acneica: cute iperseborroica; riguarda l’80% degli adolescenti, ma può continuare anche in età adulta.

➝ Pelle secca: epidermide con carenza di lipidi e, di conseguenza, fragile, irritabile e molto reattiva.

➝ Pelle disidratata: cute carente d’acqua che generalmente ha problemi di eccessiva o scarsa produzione di sebo.

➝ Pelle sensibile e iper-reattiva: si può riscontrare in tutti i tipi di pelle in qualunque momento della vita. Si manifesta con arrossamenti, pizzicore e bruciore, secchezza; può essere causata da predisposizione genetica, fattori interni (stress, variazioni ormonali, abitudini di vita sbagliate) o da fattori esterni (freddo, vento, sole, inquinamento).

➝ Pelle con couperose: cute caratterizzata da un colorito rosso diffuso su alcune parti del viso dovuto a eritrosi (eritema permanente e prolungato) e teleangectasie (dilatazione cronica dei capillari). La causa possono essere i ripetuti e continui shock emozionali, l’esposizione ai raggi solari, i bruschi sbalzi di temperatura, il consumo di bevande alcoliche.

L’analisi della cute e la scelta del prodotto più indicato

Spesso le distinzioni non sono nette, ma bisogna capire la problematica predominante. Solo dopo avere compreso il tipo di pelle e la situazione di quel determinato periodo si possono consigliare trattamenti specifici o creme.

A volte si è convinti di avere un tipo di pelle per poi scoprire esattamente l’opposto.

Infatti capita spesso che la cliente voglia acquistare un cosmetico non adatto al suo tipo di pelle.

La scena che si ripete spesso è la seguente.

Cliente: Vorrei una crema da giorno per pelli miste

Io: Signora, prima di consigliarla preferirei farle un’analisi della pelle. Se mi concede qualche minuto, con la nostra microcamera professionale, analizzerò le caratteristiche e le problematiche della sua pelle.

È così che scopro che in realtà la signora ha la pelle secca, ma a causa delle cellule morte stratificate le creme non penetrano e lasciano la pelle untuosa e lucida. Utilizzare una crema per pelli miste sarebbe stato uno spreco di soldi e avrebbe peggiorato il problema. Ora, lasciamo stare lo spreco dei tuoi sudati soldi, sei libera di spenderli come vuoi, ma il benessere della cute non lo puoi trascurare. È anche probabile che la signora avesse una pelle mista quando ha iniziato a utilizzare quel tipo di crema, ma la situazione cambia continuamente e bisogna sempre sapere come sta la pelle e di cosa ha bisogno nel momento in cui si compra una nuovo cosmetico o un nuovo trattamento.

 

Prenota la tua analisi della pelle e scopri che tipo di pelle hai!

© Copyright 2021 Farmacia Focaccia Partita IVA:04365431008. Privacy Policy